Museo Omega e Centro Congressi , Biel/Bienne BE

Già l’ingresso in vetro con la scalinata aperta segnalano come l‘O2 sia stato concepito come un edificio pubblico: qui, al primo ed al secondo piano, si trova il museo dei marchi Swatch ed Omega. Al terzo piano c’è l’amministrazione, mentre al quarto è stata allestita una sala conferenze con il relativo foyer. La facciata – costituita da elementi chiusi – è articolata dalle travi in legno disposte verticalmente e rivestita da una protezione solare collocata esternamente.

Gli elementi in legno sono stati prefabbricati e montati con la massima precisione. Ciò ha posto delle complesse esigenze a tutti i partecipanti al progetto in termini di programmazione, progettazione, costruzione e montaggio.  Il piano terra è aperto e trasparente. Con le loro forme organiche le colonne in calcestruzzo e gli elementi in vetro, alcuni dei quali pezzi unici, sono stati realizzati con complesse procedure con supporto computerizzato. La sala conferenze ovale è come un uovo incastonato in cima all’edificio, in un certo qual modo coperto e protetto dalla volta del prolungamento dell’edificio della Swatch. La sottostante Hayek-Strasse sembra così diventare una piazza.

Interlocutore Sergio Gil-Lopez; Hoti Feim; Jan Stöcker; Christian Frischknecht
Committente Swatch SA; Omega SA
Architetti ShigeruBan Architects Eur., Itten+Brechbühl SA
Pianificazione 2013
Entrata in funzione 2019
Superficie complessiva di piano 5596 m2
Volume della costruzione 30 700 m3
Fotografie Philipp Zinniker, Berna