In collaborazione con gli architetti Aires Mateus e Associados di Lisbona, IttenBrechbühl vince il terzo premio nel concorso per la nuova biblioteca di San Gallo

San Gallo è una città storicamente modellata da varie condizioni come l'urbanità e l'umanità. L'agglomerato urbano si è evoluto dal desiderio di interazione umana. Le strutture edilizie hanno formato e stabilito dei denominatori comuni creandone la sua identità, e le alleanze hanno formato una cintura difensiva. Questo ha stabilito e definito i perimetri della città: zone edificate accanto ad aree non sviluppate. Il nuovo sito della biblioteca è uno di questi luoghi «oltre il confine». Uno spazio vuoto.

L'atto di progettare nella città fornisce l'opportunità di impegnarsi con la sua struttura. La sfida nel mondo di oggi è semplificare la città. In un'area in cui la densità è inferiore, ma di qualità superiore, è centrale l'attenta selezione dei valori importanti che dovrebbero essere mantenuti o eliminati. Invece di densità e compattezza, la gente vuole più spazi aperti e verdi in città.

La nuova biblioteca semplifica, libera e non introduce un ulteriore elemento cacofonico nel paesaggio urbano. Il nuovo edificio ripristina le caratteristiche originali di questo spazio. Il contributo del progetto allarga lo spazio urbano ed espande il mercato. È un impegno, un manifesto, che restituisce la piazza alla gente e crea un'urbanità che tutti desiderano.

Visualizzazioni: Aires Mateus e Associados