Storia

Storia

  • Una specializzazione «precoce» negli edifici ospedalieri

    Nel 1922 Otto Rudolf Salvisberg e Otto Brechbühl fondarono a Berna uno studio associato, gettando le basi di IttenBrechbühl. La svolta arrivò nel 1924/25 con il concorso per il Lory-Spital, seguito dall'orfanotrofio per neonati di Elfenau. Con gli edifici istituzionali dell'Università di Berna conquistarono il terzo 1° premio. Ormai lo studio si era affermato sulla scena dell'architettura. Dal 1934 i due diventarono gli architetti personali di Hoffman-La Roche, in patria e all'estero. Dopo la morte prematura di Salvisberg, nel 1940 Brechbühl rilevò lo studio di Berna. Negli anni '60 si aggregò Jakob Itten; fino all'inizio degli anni '70 lo studio si ingrandì sino a occupare oltre 200 collaboratori e si affermò grazie ad alcuni grandi progetti specializzati nel settore sanitario.

  • Una rinnovata attenzione alla qualità dei progetti

    L'indebolimento della congiuntura dopo la crisi del petrolio portò al crollo degli ordini. Nel 1975, le banche costrinsero Itten a trasferire l'azienda a un partner più forte, Motor Columbus.

    Alla fine del 1979, Peter Staub, il nuovo amministratore, si trovava di fronte a un'azienda scoraggiata. I collaboratori, ormai ridotti a 80, avevano poco lavoro, gli architetti progettisti erano quasi spariti. La ricostruzione interna iniziò con una pianificazione strategica a lungo termine. Grazie a giovani architetti, l'azienda riuscì a conquistare ben dodici 1° premi in circa 50 concorsi, la qualità architettonica tornò a essere il tema principale. Tra i progetti di questo periodo ricordiamo il Tecnoparco di Zurigo, l'ala di trattamento dell'ospedale universitario di Zurigo, la scuola per operatori sanitari di Interlaken e l'istituto di patologia di Berna. L'azienda si assumeva un sempre maggior numero di committenze e fu la prima a trattare con i settori industriali della Svizzera. Nel 1990 Motor Columbus si ritirò, Peter Staub rilevò l'azienda insieme ad Hans Eggen.

  • Solide fondamenta per il futuro

    Nel 1993 Gartenmann & Partner AG ha rilevato le azioni in IttenBrechbühl AG. Inizia una nuova era. I 45 collaboratori sono ben presto passati a oltre 200. Sono state fondate altre sedi, le aree tematiche e la gamma di servizi sono state costantemente ampliate. Oltre al design, hanno grande peso la realizzazione e la stretta interconnessione di know-how e competenze attraverso l'intero processo di progettazione e implementazione.

    Nel 2012, Nick Gartenmann ha deciso di pianificare la successione, trasferendo gran parte delle azioni ai suoi quadri di lunga data. I partner attuali sono impegnati a rafforzare e a espandere ulteriormente un'azienda ormai sana e molto ben posizionata.