2. rango
Anno 2008

Abitazoni all' Avenue de Provence, Losanna VD

Il progetto «BLANCHE NEIGE» è caratterizzato dall'insediamento di sette edifici identici di forma poligonale con 6 lati uguali. Questa disposizione assegna al sito un ruolo di spazio filtro tra la «Avenue de Provence» e la «Vallée de la Jeunesse». Da un punto di vista morfologico, il progetto sembra assumere nel quartiere una posizione relativamente centrale, compensando con la sua identità la scarsa immediatezza e continuità nel rapporto con i fabbricati o gli isolati limitrofi. Gli spazi esterni così ottenuti non sono organizzati gerarchicamente ma facilmente appropriabili, essendo ogni edificio dotato di proprio spazio esterno di disimpegno attrezzato e piantumato. L'immagine che si presenta fornisce una buona rappresentazione di ciò che offrirebbe un nuovo quartiere a densità assunta. Il fatto che il parcheggio occupi l'intera superficie interrata solleva tuttavia dei dubbi circa le reali possibilità di vegetalizzazione. Va notato che allo stato attuale non tutti gli edifici rispettano l'allineamento imposto dal PGA lungo l'Avenue de Provence. Per non dover ricorrere alla formulazione di un Piano Parziale di Destinazione, se ne dovrebbe quindi rivedere l'insediamento.

La conformazione degli edifici consente di disporre tre appartamenti per piano, ognuno beneficiario di almeno due orientamenti. Tale disposizione pone tutti gli alloggi in una situazione analoga, non riservando una particolare attenzione né agli spazi di disimpegno e alle prospettive a valle, né all'inquinamento sonoro a monte. La morfologia degli edifici permette di evitare abilmente dei faccia a faccia troppo duri assumendo una forte densità. I vani scale sono ridotti al minimo al fine di ottimizzarne il rapporto con le facciate di ogni alloggio. Le opzioni tipologiche consentono di proporre degli appartamenti di 1-4 locali aventi la medesima organizzazione di base. Il committente lamenta tuttavia la scarsa diversificazione tra gli appartamenti in PPP o in locazione.

Sotto l'aspetto economico il progetto è buono se confrontato con la media dei progetti analizzati, fatta particolare eccezione per i costi di un parcheggio poco razionale. Esso prevede 118 abitazioni ripartite in sette fabbricati. Il rapporto SU/SLP e la progettazione degli impianti tecnici sono corretti.

Parecchie camere degli appartamenti in affitto sono orientate esclusivamente verso Avenue de Provence e quindi esposte al rumore.

Dal punto di vista dello sviluppo sostenibile e a beneficio della sua elevata densità, il progetto si colloca in una posizione intermedia nel rapporto con i progetti analizzati.

Tuttavia, questa densità la si ottiene soprattutto a danno delle superfici a verde e del regime idrico che verrebbe sconvolto dalla vastità delle superfici impermeabilizzate o situate verticalmente al sottosuolo, le quali rappresentano circa il 65% della parcella (il progetto dovrebbe quindi integrare notevoli volumi di ritenzione).

Sotto l'aspetto energetico, se la conformazione e l'insediamento degli edifici non creano troppe disparità da un immobile all'altro in termini di valorizzazione degli apporti solari, il rendimento termico globale del progetto si mantiene nella media nel confronto con gli altri progetti presi in esame.

Infine, ritenendo che la condotta di teleriscaldamento venga adottata come vettore energetico dedicato alla generazione di calore, questo progetto, tenuto conto di tutte le voci (costruzione - sostituzione - demolizione - riscaldamento - acqua calda - ventilazione a doppio flusso), richiederebbe circa 50 kWh/m2 all'anno (energia primaria) ed emetterebbe annualmente oltre 11 kg de C02/m2.

In conclusione, la principale qualità del progetto risiede nella forte identità conferita al nuovo lotto e che risulta da un'abile sintesi tra morfologia del costruito e tipi di alloggio proposti, facendogli assumere la necessaria densità che il programma presuppone. Si lamenterà la scarsa permeabilità del suolo, dovuta alla complessa e poco razionale configurazione del parcheggio, e la debolezza degli argomenti riguardanti il trattamento del rumore. Aspetti che inducono a concludere che, più dell'architettura, saranno la riduzione del traffico sull'Avenue de Provence e il sistema a doppio flusso ad assicurare un miglior ambiente acustico.